0000001831
CONSULTA LA LISTA DEI PROFESSIONISTILIBERI
 
 
 
 
 
 
Comunicati
Architetto condannato, ma l'Ordine gli porge la foglia di fico per coprire le vergogne  (28-11-2012)
Commenti: 0    |    Letto: 3358 volte

Evviva le foglie di fico! 

Al Garante per la protezione dei dati personali
e p.c.
al Ministero della giustizia
alla Commissione parlamentare antimafia
alla Procura nazionale antimafia
al Consiglio nazionale degli architetti
all’Ordine degli architetti di Roma

LETTERA APERTA
Il Comitato ProfessionistiLiberi, all’inizio di quest’anno, ha contestato all’Ordine degli architetti di Roma di usare la privacy come foglia di fico per non dare notizie sui provvedimenti disciplinari adottati nei confronti di un iscritto, condannato in via definitiva ad 11 mesi, nell’ambito del procedimento nei confronti della Cricca del G8.
Sull’argomento è intervenuto Gian Antonio Stella, con un formidabile articolo nell’edizione del Corriere della Sera del 17 febbraio, evidenziando che il Garante per la protezione dei dati personali aveva già chiarito che la legge sulla privacy “non ha modificato la disciplina legislativa relativa al regime di pubblicità degli albi professionali e alla conoscibilità degli atti connessi, e che tali albi sono destinati per loro stessa natura e funzione ad un regime di piena pubblicità, anche in funzione dei diritti di coloro che a vario titolo hanno rapporti con gli iscritti agli albi”.
Oggi, l’Ordine degli architetti di Roma insiste comunicando che “le disposizioni del Ministero della Giustizia, come comunicate dal Consiglio Nazionale, impediscono al nostro Ordine di dare notizie sull’esistenza di procedimenti disciplinari e sul loro eventuale esito”.
Pertanto, si chiede al Ministero della Giustizia ed al Consiglio nazionale degli Architetti di volere fare conoscere quali disposizioni sono state impartite in merito alla conoscibilità dei provvedimenti disciplinari adottati dagli Ordini professionali.
Inoltre, si chiede all’Autorità garante della protezione dei dati personali di volere chiarire se la normativa sulla privacy impedisca ad un Ordine professionale di dare notizia dell’esito dei procedimenti disciplinari.
Il Consiglio direttivo del Comitato ProfessionistiLiberi

Palermo, 28 novembre 2012

Per ulteriori approfondimenti si rimanda a:

Nostra prima lettera aperta del 19-01-2012

Gian Antonio Stella dal Corriere della sera del 17/02/2012

 
 
Commenti
Puoi aggiungere un tuo commento all'articolo solo dopo aver effettuato l'accesso.
 
 
Nessun commento all'articolo.
 
 
 
 
Comunicati
 
News
 
Appuntamenti