0000001822
CONSULTA LA LISTA DEI PROFESSIONISTILIBERI
 
 
 
 
 
 
Comunicati
EMANUELE NICOSIA LASCIA LA PRESIDENZA DI PROFESSIONISTI LIBERI  (02-07-2016)
Commenti: 0    |    Letto: 1483 volte



RELAZIONE DEL PRESIDENTE ASSEMBLEA ANNUALE COMITATO PROFESSIONISTI LIBERI 2016
                                                        
Care amiche , cari amici, soci e sottoscrittori del manifesto. Dopo l’assemblea del 2014 che ha avuto come scenario il Lido Sconzajuoco dedicato a Libero Grassi, è arrivato il tempo per confrontarci sul lavoro fatto sino ad oggi, per valutare tanto i traguardi raggiunti , quanto tutte le criticità emerse in questi anni di duro lavoro. Gli ultimi due anni sono stati anni difficili e per certi versi amari, dopo l’entusiasmo della prima ora; le sincere pacche sulle spalle e le esortazioni da parte di tutti ad andare avanti con vigore in questa battaglia di civiltà, abbiamo assistito ad una lenta diaspora da parte di tutti quei professionisti noti e meno noti, da cui ci saremmo aspettati un contributo operativo e soprattutto una condivisione di responsabilità.
Ci siamo ritrovati troppo spesso da soli intorno ad un tavolo a prendere decisioni a volte pesanti che avremmo potuto e voluto condividere con una platea più ampia di soggetti.
Certo, è più facile stare dietro ad una scrivania di uno studio professionale, con sale d’aspetto gremite di facoltosi clienti, che mettere la faccia (ed a volte anche la firma) su questioni spinose che riguardano l’etica e la legalità nell’esercizio professionale, ma cosi è stato, ed evidentemente, se non siamo stati capaci di coinvolgere un gran numero di persone sotto il profilo operativo, sicuramente qualche errore abbiamo fatto e siamo qui per rimediare provando a rifondare la nostra associazione per difendere e tutelare i principi costitutivi che da più di sei anni ci vedono autori di un autentico percorso di civiltà, duro, difficile, ma decisivo per provare a cambiare le cose in un settore complesso come quello delle libere professioni.
Una stagione, ricca di fatti positivi, si è chiusa, occorre pertanto avviare quel percorso di rinnovamento di uomini e di idee necessario per dare maggiore forza e consistenza alle nostre azioni.
Questi sono stai gli anni nei quali abbiamo consolidato la nostra presenza nel panorama nazionale, costituendo una sezione calabrese di Professionisti Liberi con base a Lamezia Terme; abbiamo continuato il proficuo scambio di idee con l’Università di Bologna, facendo ormai parte integrante del corpo docenti del Master universitario di II°livello come quello di Bologna intitolato a Pio La Torre che tratta lo spinoso tema del riuso ai fini sociali dei beni confiscati alle mafie; abbiamo affermato consolidato le nostre partnership con quegli Ordini professionali lungimiranti e volenterosi, e penso all’Ordine degli Ingegneri di Palermo con il quale abbiamo organizzato un ciclo di interventi per la formazione obbligatoria in materia di deontologia professionale, e all’Ordine degli Architetti di Palermo con il quale il 23 maggio u.s. abbiamo organizzato in memoria di Giovanni Falcone e di tutte le innocenti vittime di mafia, la conferenza Etica e Legalità nella professione di architetto, durante la quale abbiamo presentato il nostro manifesto ed alla quale hanno partecipato 500 professionisti in modo frontale, e che tramite la piattaforma del Consiglio Nazionale Architetti denominata I-m@teria, sarà disponibile in e-learning asincrono per tutti i 160.000 architetti italiani che hanno l’obbligo della formazione permanente in materia di deontologia professionale.
Per quanto riguarda l’impegno sociale, abbiamo mantenuto una presenza costante nelle vicende che riguardano il governo del territorio facendo rete con le altre associazioni, e per questo penso all’attività finalizzata alla restituzione alla collettività del Parco di Villa Turrisi e quella per l’adozione del nuovo statuto comunale di Palermo.
Un'altra grande conquista di questo ultimo periodo è stata l’iscrizione all’Anagrafe Unica delle ONLUS da parte dell’Agenzia delle Entrate della nostra associazione nel settore 10 tutela dei diritti civili, questo traguardo raggiunto nel dicembre del 2015, potrà consentire nel futuro l’accesso ai fondi europei per garantire all’associazione una dignitosa sopravvivenza economica, visto che risulta impossibile operare con i soli proventi delle quote sociali, di soci che per la maggior parte di fatto non pagano la quota associativa. Ma questi sono stati anche gli anni nei quali, per la nostra attività di censura e di sollecito verso gli organi preposti a reprimere i comportamenti di professionisti espressione della zona grigia, abbiamo ricevuto pesanti querele dovute alla spregiudicatezza della nostra attività di denuncia fatta attraverso ilo nostro sito.
Abbiamo pagato a caro prezzo (anche sotto il profilo economico) per la nostra attività di denuncia sui comportamenti ii di professionisti senza scrupoli che operano troppo spesso nella più totale impunità e per questo nel futuro dobbiamo certamente correggere il tiro, non rinunciando mai alla nostra attività di denuncia, che deve rappresentare la punta più avanzata della nostra attività. Dobbiamo perseverare in questa direzione mettendo in campo tutti quei meccanismi di tutela, costituendo un vero e proprio ufficio legale composto da un gruppo di avvocati, possibilmente sottoscrittori del nostro manifesto, che, costantemente e gratuitamente presta il proprio sapere professionale per tutelare la nostra associazione.
Oggi dopo quasi cinque anni dal 15 ottobre del 2011, giorno nel quale i Professionisti Liberi si sono presentanti alla collettività nella prestigiosa cornice del Teatro Biondo di Palermo, possiamo affermare di essere diventati un soggetto pubblico forte di quasi 2000 sottoscrizioni del nostro manifesto, e possiamo dire di essere una presenza costante nel panorama locale e nazionale, come testimoniano le molteplici attività organizzate da questo direttivo:
2011 Convegno “ la responsabilità sociale delle professioni Fiera consumo critico ADDIOPIZZO Giardino Inglese Palermo
2011 Manifestazione di presentazione dei Primi Mille Professionisti Liberi. Teatro Biondo PALERMO 2012 Forum “ Quale futuro per le professioni tecniche PALERMO
2012 Intervento al Congresso Regionale Geologi sul tema “ legalità e professione . Trabia
2012 Convegno “Investimenti di legalità” . Fiera consumo critico ADDIOPIZZO Giardino Inglese Palermo
2012 Intervento al convegno “Mafia, appalti ed etica nelle professioni”. Castellamare del Golfo
2012 Incontro con Ambasciatore Britannico sul tema La normativa sulla corruzione e la responsabilità delle imprese.
2013 Intervento all’assemblea annuale della FAI sul tema “Il ruolo sociale dei professionisti”. NAPOLI
2013 Intervento al seminario sulla “Zona Grigia” Giornata in memoria vittime di mafia . FIRENZE
2013 Lezione nel corso Mafie ed antimafia Università di Bologna , facoltà di giurisprudenza. BOLOGNA
2013 Convegno “ SOS Abusivismo, io non abuso e se è il caso denuncio. Fiera consumo critico ADDIOPIZZO Palermo
2013 Partecipazione assemblea regionale di LIBERA e coordinamento Forum “ Responsabilità ed Etica del lavoro”
2013 Forum “Le linee guida del nuovo PRG di Palermo”. PALERMO
2013 Forum “Palermo partecipa al governo del territorio” . PALERMO Antica Fonderia Oretea Palermo
2014 Intervento al Congresso nazionale dei Geologi sul tema “ legalità e professione . Siracusa
2014 Presidio di Scorta Civica Tribunale di Palermo 2014 Presentazione del Comitato alle associazioni antiraket di Lamezia Terne e dintorni
2014 Organizzazione giornata formativa per la Regione Sicilia sul tema della corruzione nella pubblica amministrazione
2014 Lezione nel Master “Pio La Torre” sul riuso sociale dei beni confiscati Università di Bologna BOLOGNA 2014 Forum sull’abusivismo edilizio - campi estivi di Libera a San Giuseppe Jato e Marina di Cinisi
2014 Assemblea annuale dei soci – Lido Sconzajuoco . Isola delle Femmine PA)
2015 Lezione nel Master “Pio La Torre” sul riuso sociale dei beni confiscati Università di Bologna BOLOGNA 2015 Costituzione di PROFESSIONISTI LIBERI CALABRIA a Cittanova
2016 Docenze per formazione permanente in materia di deontologia professionale per Ordine Ingegneri Palermo
2016 Lezione nel Master “Pio La Torre” sul riuso sociale dei beni confiscati Università di Bologna BOLOGNA
2016 Conferenza etica e legalità professione architetto in partnership con Ordine degli Architetti Palermo e UNIPA
Nell’ultimo anno abbiamo cercato di strutturare al meglio la nostra presenza nel settore della formazione professionale redigendo un piano di offerta formativa (POF) che abbiamo sottoposto a quegli Ordini professionali di buona volontà che obbligati dal 2014 alla formazione permanente, intendono confrontarsi con i temi della corruzione che sempre più spesso vedono in prima linea professionisti senza scrupoli che sono iscritti negli Albi di Ordini a volte distratti e quanto mai lenti in materia di provvedimenti disciplinari.
Mi avvio a concludere ricordando ai soci ed ai sottoscrittori del manifesto che sino ad oggi l’unica fonte di finanziamento è data dalle quote sociali, e per questo chiedo ai soci di versare quota sociale di €.50 e chiedo ai sottoscrittori del manifesto ed ai simpatizzanti di darci una mano di aiuto dal punto di vista economico con una donazione anche piccola (Banca Etica IBAN IT80 A050 1804 6000 0000 0146 044) un gesto anche piccolo che può contribuire a coprire le spese a volte ingenti cui andiamo incontro per le nostre attività.
In questi anni di Presidenza ho provato a mantenere un profilo di sobrietà resistendo alle sirene di un antimafia di maniera pronta a cavalcare ogni gossip per cercare visibilità. E sono certo che non è più rinviabile un momento di verifica congiunta con i nostri partner naturali come Addiopizzo e Libero Futuro, una sorta di generali dell’antimafia sociale, per capire in che direzione dobbiamo andare.
Ciò detto, io ho avuto sempre chiaro che il nostro ruolo primario è quello di Professionisti, che si occupano di diffondere la cultura dell’etica e della legalità tra i Professionisti.
Concludo ringraziando il direttivo uscente e tutti quelli che hanno contribuito alla crescita di questo movimento, e comunico all’Assemblea dei soci che non intendo riproporre la mia candidatura per una carica esecutiva, il mio contributo l’ho già dato ed è maturo il tempo che una nuova leva di giovani professionisti si faccia avanti con idee e contributi più freschi e contemporanei per continuare la sfida lanciata più di 5 anni fà per continuare a veicolare il nostro messaggio di civiltà e di liberazione.
La mia quadriennale esperienza da Presidente dell’Associazione Professionisti Liberi finisce qui, al termine di questa Assemblea rassegnerò le mie dimissioni per velocizzare e favorire quel processo indifferibile di rinnovamento necessario per proiettare in un futuro migliore la nostra associazione.

Palermo 30 giugno 2016

Grazie a tutti
Il presidente Emanuele Nicosia
 
 
Commenti
Puoi aggiungere un tuo commento all'articolo solo dopo aver effettuato l'accesso.
 
 
Nessun commento all'articolo.